Viaggio nella storia dei capelli ep. 3: Marylin Monroe, Brigitte Bardot e Mariangela Melato

Concludiamo oggi il nostro viaggio nel mondo della storia dei capelli con uno scorcio di quanto è avvenuto nel Novecento, secolo in cui, come mai accaduto in passato, ogni decade ha portato un rinnovamente nello stile e nei gusti. Come per le altre due puntate abbiamo giocato ad abbinare a ciascun look il prodotto ALFAPARF MILANO che può aiutare a realizzarlo.

Ritenuta una delle donne più belle di sempre, Marilyn Monroe è la prima diva di cui parliamo. La sua capigliatura biondo platino è diventata un’icona, anche se forse non tutti sanno che i capelli naturali dell’attrice fossero castano ramato. Per proteggere il colore e allungare la sua durata le avremmo consigliato di usare Semi di Lino Diamante Color Protection Crystals, uno scudo protettivo ultraleggero che contiene anche filtri UV contro i danni dei raggi solari.

Marilyn Monroe

Rimaniamo sempre fra le bionde più affascinanti del secolo con Brigitte Bardot. Uno dei tratti distintivi della sua immagine giovanile fu l’abitudine a portare i capelli lunghi lievemente spettinati. Per ottenere lo stesso effetto vi consigliamo di utilizzare S4U Ocean, lo spray texturizzante con un’esclusiva profumazione marina che conferisce un aspetto “naturalmente spettinato”.

Chiude la nostra carrellata una bionda tutta italiana, Mariangela Melato. Ricordate una delle sue interpretazioni più divertenti, quella di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto”? Ebbene, a cosa oggi Raffaella Pavone Lanzetti, la protagonista snob che finisce su un’isola deserta, non potrebbe rinunciare? Sicuramente alla protezione dei suoi capelli contro l’azione aggressiva del sole e del mare di Sole Mare Sun Color Saver, che protegge la fibra capillare dalla perdita del colore cosmetico, aumenta la resistenza della fibra e previene la disidratazione.

Se questi articoli ti sono piaciuti e vuoi che la rubrica prosegua, lasciaci un commento con il personaggio o il periodo storico di cui vorresti leggere o con gli abbinamenti che avresti fatto tu, qui o sulla nostra pagina ufficiale di Facebook.



I commenti sono chiusi.