HAIR PRO – I SEGRETI DEI PROFESSIONISTI: Ramiro Mata

Pubblichiamo oggi la seconda puntata della rubrica HAIR PRO – I SEGRETI DEI PROFESSIONISTI con un taglio internazionale. Oggi vi proponiamo l’intervista esclusiva a Ramiro Mata.

Ramiro Mata eredita la passione per l’arte dell’acconciatura da suo padre, noto parrucchiere fondatore della “Formation Profesional de Peluqueria”, e comincia la sua carriera a 16 anni con l’obiettivo di dare continuità e al tempo stesso rinnovamento all’impresa di famiglia, della quale assumerà la guida verso la fine degli anni Novanta.

Oggi la compagnia Mata conta ben tre centri di formazione a Navarra e quattro saloni. Inoltre grazie all’intraprendenza di Ramiro, nasce il gruppo artistico Ramiro Mata Art che porta in tutta Europa la creatività e l’innovazione delle proprie collezioni.

Dal 1997 a oggi è direttore artistico della “Academia Ramiro Mata” e titolare di quattro saloni. Grazie all’intraprendenza di Ramiro, nasce il gruppo artistico Ramiro Mata Art, di cui fanno parte tra gli altri gli stilisti Alberto Rodriguez e José Garcia, un team che porta in tutta Europa e nel mondo la creatività e l’innovazione delle proprie collezioni.

L’equipe artistica “Ramiro Mata Art” crea ogni anno due collezioni reinventando per ognuna di esse contenuti, tecniche e tendenze, realizzando shooting fotografici, book tecnici, step by step e DVD esplicativi di ogni collezione, oltre a reportage fotografici per riviste internazionali.

Dal 2004 entra a far parte del gruppo fondato da ALFAPARF MILANO Architects of Design Milano. Una collaborazione ormai storica e costante nel tempo che ha portato Ramiro Mata a presenziare più volte a Cosmoprof e a Intercharm, a realizzare servizi fotografici e collezioni, a tenere show ed eventi oltre che in Spagna e in Italia anche nel resto del mondo. La sua esperienza internazionale con ALFAPARF MILANO e quella del suo team ha infatti riscosso successo in Australia, Bielorussia, Bosnia, Brasile, Cina, Giordania, Grecia, Italia, Panama, Portorico, Polonia, Portogallo, Romania, Russia, Singapore, Stati Uniti d’America e Ungheria.

Come si è messo in contatto ALFAPARF MILANO con lei? Perchè ha scelto di lavorare con questo marchio?

“Ho sempre lavorato con ALFAPARF MILANO. Mi ha convinto il fatto di lavorare con un marchio che a quei tempi era giovane e la cui prospettiva era di crescere in tempi brevi e in modo costante”.

Cosa preferisce: formare, formarsi, il lavoro in salone o il lavoro artistico?

“Mi piacciono tutte le attività. Per formare occorre formarsi e per creare una collezione occorre tenere i piedi per terra e toccare con mano le esigenze dei clienti del salone”.

Le sue collezioni sono conosciute dapertutto, da dove s’inspira maggiormente?

“Prendo la mia ispirazione dal mondo della moda, viaggiando e conoscendo diverse culture, conoscendo molti professionisti di tutto il mondo, dalla strada, dai nostri allievi che offrono spunti dal punto di vista creativo”.

Il costante cambiamento della moda, l’apparizione delle nuove tecniche costringe il parrucchiere a rinnovarsi sempre. Lei dove e da chi aprrende le novitá?

“E’ molto importante osservare il lavoro di tutti i professionisti. In particolare è importante vedere cosa fanno gli stilisti giovani.”

Cosa consiglia ai parrucchieri? Cos’é secondo lei la chiave del successo?

“E’ importante non chiudersi solo nella bolla del proprio lavoro, e andare fuori per esplorare e non aver paura di condividere le loro conoscenze con gli altri. La chiave del successo è la formazione e la conoscenza”.



I commenti sono chiusi.